aiutare gli altri con un sito

Caso studio: Costruire un Sito – Antonio Maugeri

Mi presento, sono Antonio Maugeri, un ragazzo di 19 anni, ed ho preparato, insieme a Marco Ronco, il corso online di costruire un sito. Ma non voglio certo annoiarti con banali presentazioni pseudo promozionali. Vorrei invece raccontarti la mia storia, com’è andata e cos’ho imparato.

Non ovviamente con la presunzione di aver concluso il percorso o di avere più esperienza di chi c’è la fuori: io sono piccolo, sono sempre stato piccolo – e per ora mi va anche bene 🙂 Penso però comunque di aver provato sulla mia pelle la sfida di un nuovo progetto e, dal momento che sembra funzionare, ho pensato di raccontarti la mia esperienza.

Sì, è un caso studio e sì, è frustante il fatto che nei primi paragrafi non non abbia cercato di esaltarti con dei numeri. Pazienza, si potrà pur partire in un altro modo no? 🙂
 

Serve tempo

 
Per ogni progetto serve tempo

Ho imparato, fin da subito, che è necessario investire del tempo. Immediatamente è risultato fondamentale sacrificare qualcosa. Ogni creazione ha bisogno e, a mio parere, merita, del tempo.

Dal momento che ero, e sono, un bambino e che i miei “problemi” riguardavano (fortunatamente ne parlo al passato) il liceo, non appena ho iniziato a parlare del progetto insieme a Marco, ho capito che avrei dovuto investire l’intera estate per preparare il corso ed i suoi contenuti.

Potrà sembrare una stupidaggine, e forse lo è, ma togliere l’estate ad uno studente frustrato è un qualcosa di considerevole.

Non mi sono certo immolato, ma ho impiegato del mio tempo. Ci tengo molto a questo concetto perché vedo sempre di più video online in cui si continua a ripetere che “basta credere in sé stessi”, o che “basta essere determinati”. Generalmente si tratta di video e articoli in cui, almeno 3 volte in un paragrafo, si trovano parole come “successo”, “vincere” e “vita”.

Magari avrà pure funzionato per loro, ma ti assicuro nel mio caso che non è bastato essere determinati o tantomeno credere in sé stessi

Per farla breve: serve tempo, non ha senso cercare di evitare ciò proteggendosi con frasi motivazionali o cercando scorciatoie.
 

Serve fermarsi e progettare: le 5+1 domande

 
aiutare gli altri con un sito

Una tra le cose che mi ha insegnato Marco è che spesso non è una buona idea partire a razzo con un nuovo progetto. Occorre invece fermarsi e pensare alla direzione del progetto, alla sua stabilità, ai rischi ed alle certezze, se ce ne sono.

Mi ha posto le 5+1 domande per capire se un progetto può portare a qualcosa di positivo piuttosto che rappresentare un costo. Alcune, in particolare le prime 3, sono ispirate alle tecniche di Robin Good.

  1. Intercetti un pubblico di nicchia?
  2. Il tuo progetto intercetta un reale interesse, problema o esigenza (PIE) per cui le persone sarebbero disposte a pagare?
  3. È scalabile? Va avanti da solo? In quale misura?
  4. Rappresenta qualcosa che sai fare?
  5. Ha un fattore differenziante?
  6. Dipende da te?

Costruire un sito rispondeva positivamente a tutti questi quesiti 🙂
 

Aiutare gli altri

 
aiutare gli altri con un sito

Costruire un sito è un corso che aiuta altre persone. Checché se ne dica, può portare ad un guadagno anche la disposizione ad aiutare gli altri, senza volerli fregare.

Sia io che Marco rispondiamo a decine di mail al giorno e, ogni due settimane, cerchiamo di aiutare gli iscritti al Webinar nel loro progetto. Non cerchiamo di fregare l’utente per mettere da parte qualche soldino in più ma vendiamo qualcosa di autentico ed utile.

Forse funzionerebbe anche fare diversamente, ma, personalmente, non me la sento 🙂
 

Wow! Sta iniziando a funzionare!

 
Il lancio di Costruire un Sito è stato, inaspettatamente, un successone! Certo, forse abbiamo seguito la strada del “vincere facile” ma è durata solo per il primo mese. Per far sì che il nuovo corso potesse farsi conoscere e potesse crescere, abbiamo deciso di utilizzarlo come upsell di Posizionamento Motori di Ricerca, il secondo corso di Marco.

Mamma mia, e che parolone sarebbe quello? Upsell?! Hai ragione, scusami, odio anche io questi terminoni che vogliono far sembrare ogni cosa più complicata di quanto lo sia in realtà. Fatta semplice, abbiamo inviato delle mail ai corsisti del primo corso proponendo loro il nuovo corso.

Se anche te hai questa possibilità, e se si tratta di argomenti affini, fallo subito! 🙂 Solo facendo ciò infatti abbiamo raggiunto 98 iscrizioni alla newsletter nel primo giorno di corso, il giorno prima nemmeno era online!
 

E dopo lo sprint iniziale?

 
aiutare gli altri con un sito

Io e Marco abbiamo iniziato a lavorare a due aspetti del sito:

  1. Campagne pubblicitarie
  2. SEO

Il primo mese di Facebook Ads

 
Dopo questo sprint legato al primo corso, siamo riusciti a mettere da parte qualche soldino che avremmo investito successivamente in campagne pubblicitarie. Grazie, non solo ma soprattutto, all’upsell di Posizionamento, abbiamo raggiunto € 10.758,00 nel primo mese.

Dopo il panico iniziale di un ragazzino che, nonostante dovesse studiare per la maturità, si ritrovava improvvisamente a parlare l’incomprensibile legalese da un commercialista per aprire partita IVA, ho sorriso come non mai ed ho iniziato, insieme a Marco, ad investire sulle campagne Facebook, ed è andata benone!

La campagna del primo mese, basata su un pubblico simile (2%) ai primi iscritti, ha portato a:

3752 Visite al sito
14 acquisti del corso
126 iscrizioni alla newsletter
Questo mi rese felice per 2 motivi:

Investendo un budget di 116€, ho venduto 14 corsi. Facebook fa sempre un po’ di confusione con i numeri, ma, per andare sul sicuro, possiamo limitare il precedente numero a 10. Si tratterebbe in questo caso di un ricavo di 1970€ con una spesa di 116€
Ho scoperto di avere un tasso di conversione che, secondo i numeri ottimisti di Facebook, è pari a 11% (iscrizioni / acquisti)

Ottimizzazione SEO

 
Ogni progetto SEO è lungo, richiede tempo e spesso i primi risultati si vedono dopo mesi. Devo essere sincero: nel primo periodo questa parte è stata seguita soprattutto da Marco: la maturità iniziava infatti a pressarmi particolarmente.

Potremmo parlare moltissimo di SEO, è una materia molto ampia. Vorrei solo darti un piccolo consiglio: non sottovalutarla. Permette, indipendentemente dalla misura, di ottenere traffico gratuito e costante nel tempo. Facebook aumenta i prezzi, Adwords è pieno di concorrenza ma i risultati organici sono sempre lì a rappresentare, quasi, un punto fermo.

Ah, piccola nota a margine: la SEO non è morta.
 

A distanza di 8 mesi

 
aiutare gli altri con un sito

Scrivo questo articolo ad Ottobre. Con vari test che hanno riguardato Facebook e l’ambito SEO, Costruire un sito ha raggiunto più di 3100 utenti iscritti alla newsletter. Direi che posso ritenermi molto più che soddisfatto 🙂

Quindi questo era il mio bizzarro percorso di questo ennesimo progetto online. Spero che ti sia stato utile sentire la mia piccola storia.

Non sono certo un Guru, tantomeno un adulto con esperienze approfondite della vita o del mercato ma vorrei darti un consiglio: non pensare a metodi per fare soldi velocemente, pensa a mettere te stesso in quello che crei, metti il tuo tempo e poi rifletti su come far sì che questo possa portare introiti 🙂

Hai trovato utile questo articolo? Valutalo
[Total: 1 Average: 5]